13 marzo 2010

Illuminati: Struttura e posizione del potere occidentale parte I

Illuminati: piramide o Pizza?

Gewissenlosigkeit ist nicht Mangel des Gewissens, 
sondern der Hang, sich an dessen Urteil nicht zu kehren. 
E. Kant
data corvide 31:2e:6c:20:47:72:61:6e:64:65:20:52:65:20:73:65:64:65:76:61:20:73:75:6c:20:54:72:6f:6e:6f:20:65:73:73:65:6e:64:6f:20:6c:75:69:2e:1f:32:2e:53:75:6c:20:54:72:6f:6e:6f:20:63:68:65:20:73:74:61:76:61:20:73:6f:70:72:61:20:6c:65:20:41:63:71:75:65:20:64:65:6c:20:43:61:6f:73:2e:1f:33:2e:45:20:61:20:75:6e:20:74:72:61:74:74:6f:20:76:69:64:65:20:75:6e:20:69:6d:6d:61:67:69:6e:65:20:73:75:6c:6c:65:20:41:63:71:75:65:20:69:6d:6d:6f:74:65:2e:1f:34:2e:55:6e:20:69:6d:6d:61:67:69:6e:65:20:69:6c:6c:75:6d:69:6e:61:74:61:20:64:69:20:6c:75:63:65:2e:20:1f:35:2e:4d:61:20:65:72:61:20:4c:75:69:20:6c:61:20:4c:75:63:65:2c:20:69:6c:20:47:72:61:6e:64:65:20:52:65:2e:20:4c:75:69:20:65:72:61:20:72:69:66:6c:65:73:73:6f:20:6e:65:6c:6c:65:20:61:63:71:75:65:2e:20:1f:36:2e:43:6f:73:1f:20:69:6c:20:47:72:61:6e:20:52:65:20:73:6f:72:72:69:73:65:20:66:6f:6c:6c:65:6d:65:6e:74:65:20:61:6c:6c:61:20:73:75:61:20:69:6d:6d:61:67:69:6e:65:20:69:6e:63:72:65:73:70:61:74:61:20:64:61:6c:20:76:65:6e:74:6f:2e:1f:37:2e:46:6f:6c:6c:65:6d:65:6e:74:65:20:70:65:72:63:68:1f:20:65:72:61:20:73:6f:6c:6f:20:75:6e:20:69:6d:6d:61:67:69:6e:65:2e:20:46:6f:6c:6c:65:6d:65:6e:74:65:20:70:65:72:63:68:1f:20:6e:6f:6e:20:76:69:20:65:72:61:20:76:65:6e:74:6f:2e:1f:38:2e:45:70:70:75:72:65:20:61:64:65:73:73:6f:20:6e:6f:6e:20:65:72:61:20:70:69:1f:20:73:6f:6c:6f:20:6e:65:6c:6c:61:20:62:72:65:7a:7a:61:2e:20:50:6f:69:63:68:1f:20:6c:27:69:64:6f:6c:6f:20:73:69:20:61:6c:7a:1f:20:65:20:70:72:65:73:65:20:70:6f:73:74:6f:20:61:63:63:61:6e:74:6f:20:61:6c:20:52:65:2e:1f:39:2e:44:6f:76:65:20:70:72:69:6d:61:20:6e:6f:6e:20:76:69:20:65:72:61:20:70:6f:73:74:6f:2e P.d.E.

Caro Diario,
Sempre piú spesso si sente parlare di gruppi cospirativi variamente chiamati indiscriminatamente Illuminati, NWO, CFR, Bilderberg che sarebbero guidati da famigerate famiglie come i Rockfeller o i Rotschild. Un lettore di questo Diario ha di recente scritto che lo scoprire di queste "societá segrete" lo ha sconvolto a tal punto che ha abbandonato la sua militanza politica. Il Diario ha rivelato indizi che membri di questi gruppi vogliono la Terza Guerra Mondiale , preparata in queste settimane da una martellante propaganda, ma giá nota 5 anni fa in un circolo massonico di Londra. Ma chi sono costoro esattamente?
È giunto il momento di fare chiarezza.


CRITICA DELLA COSPIRAZIONE
Per iniziare dobbiamo smitizzare una serie di informazioni che girano per la rete.

I lettori del diario mi chiedono cosa ne pensi di tutta quella serie di "denunciatori" che hanno costruito la loro carriera diffondendo informazioni parlando del complotto.
Penso che, essendo la cospirazione  di moda, molti si mettono ad abbaiare nel coro, accusando il capro espiatorio, responsabile di tutti i mali. Poi quando nell'equazione entra anche l'argomento esoterismo: apriti cielo. Il cospirazionista si lancia come una belva sulla preda.
Basta soltanto avere un marchio che abbia una qualche forma per essere associati a tutto l'amabaradam

In questa frenesia giustizialista poco spazio rimane all'analisi delle motivazioni, alla critica della ragion pura... direbbe il buon Emmanuel.

Dall'altra parte vi sono, come al solito, i "negazionisti" che liquidano tutta la cosa con una scrollata di spalle.
Secondo Popper infatti
La teoria cospirativa della società” ... consiste nella convinzione che la spiegazione di un fenomeno sociale consista nella scoperta degli uomini o dei gruppi che sono interessati al verificarsi di tale fenomeno (talvolta si tratta di un interesse nascosto che dev'essere prima rivelato) e che hanno progettato e congiurato per promuoverlo.
Questa concezione dei fini delle scienze sociali deriva, naturalmente, dall'erronea teoria che, qualunque cosa avvenga nella società – specialmente avvenimenti come la guerra, la disoccupazione, la povertà, le carestie, che la gente di solito detesta – è il risultato di diretti interventi di alcuni individui e gruppi potenti. Questa teoria ha molti sostenitori ed è anche piú antica dello storicismo (che, come risulta dalla sua forma teistica primitiva, è un derivato della teoria della cospirazione). Nelle sue forme moderne esso è, come lo storicismo moderno e come un certo atteggiamento moderno nei confronti delle “leggi naturali”, il tipico risultato della secolarizzazione di una superstizione religiosa. La credenza negli dèi omerici le cui cospirazioni spiegano la storia della guerra di Troia è morta. Gli dèi sono stati abbandonati. Ma il loro posto è occupato da uomini o gruppi potenti – sinistri gruppi di pressione la cui perversità è responsabile di tutti i mali di cui soffriamo – come i famosi savi di Sion, o i monopolisti, o i capitalisti o gli imperialisti.

K. R. Popper, Logica della ricerca e società aperta,
Antologia a cura di D. Antiseri,
La Scuola, Brescia,
1989, pagg. 165-167

Ipse Dixit.
Quindi, se lo ha detto lui, possiamo metterci una pietra sopra e dormire sonni tranquilli?
Io non credo caro Diario.
Abbiamo visto come un simile atteggiamento non sia da considerare insolito, in quanto qualunque informazioni che esca dal dogma definente una realtá viene aggredita o negata.

Come dicevo prima questo articolo si propone di iniziare a rispondere ad alcune domande tipo:
Chi sono costoro esattamente? Sono un gruppo unico o sono diversi gruppi? Che motivazioni hanno? Hanno delle differenze al loro interno? Cosa fanno per realizzare i loro piani a breve termine? Hanno piani a lungo termine?

Nessuno risponde a queste domande in maniera convincente. Lo stesso fatto di porsele ti qualifica in maniera sospetta. Scopriamo nuovamente che solo due posizioni sono ammesse: o complottisti o negazionisti.
Che entrambi siano funzionali all'elitè é una cosa che difficilmente passerebbe per la testa sia agli uni che agli altri. 

A PROPOSITO DEI VESPONI
 La posizione di chi scrive si distanzia culturalmente dal "denunciatore" di cultura WASP. 
WASP significa "vespa" in inglese ma é anche un acronimo per White Anglo Sasson, Bianco anglo sassone,  dove la P finale sta per "protestante" con concezione manicheista dell'universo. La nostra invece è una prospettiva  Mediterranea, attenta alla lunga storia delle idee e dello spirito che si é sviluppata negli ultimi 12.000 anni in quei luoghi. Una cultura che questi signori appiattiscono sul conflitto fra il bene (loro) e il male (gli altri). E quando dico "costoro" intendo sia i vesponi che il complotto lo fanno che quelli che lo denunciano.  Una storia che per costoro inizia 250 anni fa. Il WASP, complottista o meno, di oggi é simile al Solone dell'altro ieri.
Per dirla con Platone:
Ed allora uno dei sacerdoti, saggio e venerando, prese a dire:
« Solone, Solone, voi Greci non siete che bambini; non c'é tra gli Elleni un uomo che sia vecchio.»
Solone, udito ciò, chiese: « Cosa intendi dire?»
« Siete giovani, - continuò allora quello - giovani mentalmente, poiché la vostra anima non conserva nessuna antica credenza giunta a voi attraverso la tradizione, nessuna conoscenza maturatasi nel corso delle età.
I FANCIULLI DELLA COSPIRAZIONE HANNO BUTTATO VIA IL BAMBINO CON L'ACQUA SPORCA. 
L'atteggiamento anti culturale presente nella New Age, la sua approssimazione  sugli argomenti filosofici e scientifici é l'altra faccia della medaglia.
 " L'ignoranza è il rischio più grande per l'umanità, da lì nascono il razzismo, le ingiustizie, la violenza, il mancato rispetto delle diversità."
Indovina un poco caro diario: lo ha detto Tom Cruise il famoso membro di Scientology.
Che ironia, no?

Triste é che anche numerosi europei si sono accodati a questa visione breve di storia e cultura. A furia di leggerle su internet queste opinioni esse si sono insinuate nel nostro pensiero, senza che ci si chieda se l'esistenza del fenomeno non sia da scindere con la sua interpretazione.  Non esiste una "Scuola di Francoforte", una prospettiva alternativa. Non solo l'Europa é al traino politico della politica ufficiale ma anche l'alternativa visione della realtá viene monopolizzata oltreoceano.
Cerchiamo di porci rimedio. 

 Struttura del potere in essere
Quindi, benché piuttosto riluttante, sapendo di entrare in un WASPaio, credo sia necessario gettare  un poco di luce sull'argomento, sulla struttura del potere in essere (Power to Be). Nota caro Diario che questa struttura si applica ai paesi occidentali, i quali dominano il pianeta (per ora).

Come ho espresso in passato il nostro approccio é etnografico ci ispiriamo a
Marcel Griaule (che) descrive il mondo mitico dei Dogon, una popolazione dell'Africa orientale, per bocca del vecchio saggio Ogotemmeli, mentre John Epes Brown ci presenta la suggestiva figura di Alce Nero, capo dei Sioux, di cui espone, in forma diretta, la profonda sapienza. In tutti i casi questi etnologi sembrano entrare in punta di piedi nella realtà che stanno cercando di conoscere: partecipano, infatti, senza preconcetti al mondo culturale studiato, mai sezionato e analizzato in un asettico e meccanico rapporto di separazione Io/Cosa, Soggetto/Oggetto. Sono uomini calati nella vita pulsante della comunità verso la quale hanno rivolto il loro interesse scientifico
Stare all'esterno di un contesto culturale e criticarlo rappresenta una posizione comoda dal punto di vista del giudizio ma strutturalmente incapace di comprenderne i meccanismi. In sostanza: chi scrive qui conosce certi meccanismi dall'interno

Struttura dei CERCHI
Siccome un immagine vale piú di mille parole iniziamo con il diagramma qui sotto. Lo chiamo la "Struttura dei CERCHI". Questa é una mappa semplificata di un problema complesso e non deve essere assolutizzata nè super interpretata.

la struttura dei Cerchi

Il cerchio rappresenta il  potere e man mano che ci si avvicina al centro si é posizionati al suo "cuore".

We, the people
Al di fuori del cerchio del Potere vi é la Pubblica Opinione, noi, il popolo. In una Democrazia in teoria in grado di cambiare la struttura della Polis. In una Demagogia tenuto in stato di sudditanza con la Paura e il Desiderio. Il che non ci rende innocenti o vittime. Siamo complici del mantenimento di questa struttura ogni qual volta saliamo su un SUV. Ne siamo responsabili se il nostro timore principale é di perderlo, il caro SUV.  
L'elité puó esistere perché é espressione del peggio di noi. 

Esiste grazie al fato che noi non richiediamo un cambiamento. in quanto se
«Tentiamo di valutare con giustizia  quali risultati ha portato la scienza moderna. Essa ha prodotto automobili, telefoni, e molta gente non riesce nemmeno ad immaginare la vita senza di essi. Ma la successiva produzione di automobili e telefoni non dipende dalla filosofia della scienza; dal momento della loro invenzione, possono essere prodotti a memoria, senza alcuna filosofia. Il costante perfezionamento di automobili e telefoni, invece, ha bisogno di una filosofia per la quale progresso e trasformazione siano dei valori. La maggior parte delle trasformazioni in questo campo, però, non sono affatto dei perfezionamenti, ma solo stimoli. che devono indurre la gente a comprare più automobili...Un vero perfezionamento della vita umana può invece esigere trasformazioni fondamentali delle basi filosofiche e l'abbandono del postulato dell'aumento del contenuto empirico della conoscenza...».
P. K. Feyerabend, La scienza in una società libera
Feltrinelli, Milano 1981, pp. 148-149 n.89.

Stiamo esigendo queste "trasformazioni fondamentali"?
Persino alcuni lettori di questo diario, pur rendendosi conto che il nostro sistema ha dei difetti credono che con qualche aggiustamento qui e li potremmo continuare come prima. Che alternative abbiamo? si chiedono retoricamente.

Economia e politica
Un poco piú interno al centro del Potere vi sono le Corporazioni, rappresentanti il potere economico e l'Amministrazione Americana come rappresentante emblematico di quello politico. Come si legge dal diagramma entrambe queste entitá hanno una interfaccia con il pubblico. Queste usano i mezzi noti per raggiungere i loro scopi che riguardano l'accrescimento e mantenimento del potere economico e/o politico.
Le connessioni fra i due poteri sono state ampiamente documentate e quindi non mi soffermo su di esse.
Quale é lo scopo di costoro?
A partire dalla caduta dell'unione sovietica il sistema occidentale  capitalistico ha avuto mano libera di realizzare il capitalismo perfetto. è ció che ha fatto negli ultimi 20 anni.
Globalizzazione. Sfruttamento del pianeta e dei suoi abitanti senza alcuna prospettiva futura.

 In "Collapse", Jared Diamond affronta il tema del rapporto fra societá che reagiscono con successo alle crisi e quelle che collassano. Diamond spiega la differenza dell'esito con l'atteggiamento delle classe dirigenti. Classi dirigenti lungimiranti, che pensano in termini di generazioni sono capace di riconoscere i problemi a lungo termine e di reagire.  Le societá governate a vista, con in mente i profitti a breve termine, invece, sono quelle candidate a crollare.
I politici e i CEO che appartengono a questa zona rientrano nella seconda categoria. Sono costituzionalmente incapaci di fare progetti a lungo termine.
Questo é un punto fondamentale per la comprensione del discorso.


Il livello "grigio"
Il livello successivo é rappresentato dal Bilderberger Group, l'organizzazione che permette all'Elité politico-economica di prendere le decisioni finalizzate al mantenimento e accrescimento del loro potere. Nel romanzo il "Giro del Mondo in 80 Giorni" il Francese Jules Verne introduce il dinamico  Phileas Fogg che nel corso di una discussione al Reform club decide di fare il giro del mondo da cui il titolo. Beh, Il Bilderberger é il Club per "gentiluomini" (si fa per dire) del XXI secolo. Chi ha sentito parlare della "Missione Anglosassone" apprezzerà il riferimento.  Il Word Economic Forum che si riunisce a Davos in svizzera ogni anno é poi la versione allargata del club. La differenza fra questo livello e il precedente é che nel club si puó parlare chiaramente ignorando cose insignificanti come la legge o la morale.

L'accusa che viene mossa loro é di essere Globalisti  (o mondialisti) e Satanisti.
L'aspetto ironico é che il riconosciuto male peggiore del mondialismo é l'instaurazione di una cultura unica, non consapevole ne tollerante delle idee altre. Eppure l'accusa di satanismo estende una concezione  escatologica tipica del cristianesimo a spiegazione, universale incurante della sua inconsistenza storica.
Che poi gli autori complottisti stessi spesso non siano cristiani, ma propongano spesso un paragrafo gnoseologico che riguarda le loro idee accanto al successivo escatologico di accusa contro i satanisti, rimane una contraddizione irrisolta. In sostanza é il toro che da del cornuto al bue.

Il Bilderberger é composto di mondialisti. Costoro sono agnostici rispetto a ogni definizione metafisica dela realtá. Quello che conta é il business e la sua ottimizzazione. Il fatto che l'ottimizzazione di un sistema, essendo fondata sulla standardizzazione, uccida la diversitá ovvero la capacitá del sistema di sostenere i cambiamenti  (resilience) é una cosa che il Bilderberger Group conosce ma preferisce ignorare.

Chi é dentro al gruppo? tutti quelli che "contano" in occidente dal punto di vista economico-politico.
È interessante notare come la lista dei membri Bilderberger   in Wikipedia sia stata editata piú di 500 volte in un anno, tipicamente per cancellare qualche nome. Il gruppo pare sia dietro l'elezione dell'attuale presidente europeo, almeno cosí ha dichiarato  Mario Borghezio della Lega, di cui non sono un ammiratore.

fine prima parte

20 commenti:

Il Bagatto ha detto...

Esistono in realtà, nell'ambito dei gruppi di potere così come sono menzionati nel post, due visioni contrapposte: una sicuramente più mercantile e più vicina al denaro e al potere. Un'altra, molto più nascosta ma non per questo meno potente, che cerca realmente un miglioramento dell'umanità. Il fatto è che il presupposto, in poche parole, è questo: la grande massa della popolazione non è in grado di governarsi. Il pianeta è sull'orlo del tracollo. Allora creiamo un governo globale che detenga tutto il potere ed amministri la totalità del genere umano. Puoi, caro Corvo, immaginare cosa ciò comporti. Non entro in particolari perchè il discorso potrebbe essere molto lungo e sicuramente anche "ruvido". Saprai sicuramente che oggi è in atto uno scontro durissimo tra questi due gruppi che detengono ed indirizzano realmente il potere. Ciò che accade in medio oriente è un riflesso importante di tutto ciò. In questa area inoltre ci sono anche dei Fondamentalisti (ma il termine è inesatto) che cercano a tutti i costi di attivare la purificazione del fuoco sulla piana di Gedeone (fuori le antiche mura di Gerusalemme), conosciuta dai più come Armageddon. Il presidente Iraniano è uno di quei fautori (è uno Scita molto religioso, oltre che membro di una di quelle organizzazioni di cui tu parli e che sta nel circolo interno): non a caso è molto rispettato dagli ultra ortodossi Rabbi ebraici che aspettano la venuta del Regno di David. Di più non dico. Aggiungo solamente che ieri è caduta una cometa nel sole con uno spettacolo affascinante. Ed oggi il sole presenta uno spot in crescita che potrebbe creare una tempesta solare di classe C (piccola cosa, al massimo qualche disturbo sulle radiofrequenze). Buona giornata

LupoLuponis ha detto...

fugaci di momenti di comprensione mi hanno dato una più ampia visione , e lasciato una sensazione : tutto è illusione ( ho capito la strategia del contenimento a cui si riferiva corvo)

Carpineo ha detto...

Sinceramente, GRAZIE Corvo.
Resto in attesa fremente di leggere gli ingredienti principali di questa 'pizzen'.

PS: noto che la 'data corvide' sta allungandosi in maniera esponenziale...

Andrea ha detto...

L'articolo è come sempre molto stimolante, e tutto quello che è qua contenuto lo sottoscrivo in pieno.
Come Carpineo anche io resto in trepidante attesa di leggere il seguito.

Però ti vorrei dire Corvo di non essere così pessimista nel liquidare tutti gli autori più o meno "cospirazionisti" che girano per la rete e per le librerie.

Prima di tutto perchè anche quelli che si fermano all'idea che gruppi come il Bildenberg o il CFR siano l'origine di ogni male, svolgono comunque un lavoro molto importante: se io fossi capitato su questo blog un paio di anni fa, senza prima aver masticato persone come Alex Jones, Aaron Russo, Eric Phelph e via dicendo, fino a Jordan Maxwell e David Icke, sicuramente avrei chiuso subito pensando cose come "ma in che sito sono capitato?".

Insomma, anche loro hanno la loro utilità.

Senza dimenticare che persone come Icke da anni ormai vanno ripetendo che gruppi come quelli sopracitati non sono che una ulteriore facciata insignificante, mentre i veri burattinai stanno in dimensioni non accessibili ai più, così come dice che l'universo è olografico e via dicendo...

Insomma, su con la vita, non siamo poi così soli come sembra...

corvo ha detto...

@andrea
nell'articolo si fa una distinzione fra il riconoscimento di un fenomeno e la sua interpretazione.
Come spero diventerá piú chiaro nella seconda parte il diario differisce profondamente dalle interpretazione correnti.
Comunque dobbiamo dare adito a coloro che hanno des ritto il fenomeno per la prima volta e riconoscere che se non fosse per loro non saremmo qui a parlarne

Anonimo ha detto...

I Dogon si trovano in Mali che si trova in quella che normalmente viene definita Africa OCCIDENTALE.
Dai Corvo se quel poco che so lo sbagli, chissà tutto il resto..
Ma poi sta storia del codice esadecimale non ti sembra un po' ridicola? Come se chi ti vorrebbe fare la pelle (come tu dici), non ne conoscesse la traduzione in caratteri Asci.
Ma dai corvo....

Anonimo ha detto...

per quanto riguarda il sole, le stranezze sono molte- gli studiosi non sanno spiegarsi come mai alcune teorie scritte e studiate siano errate.
Sta succedendo qualcosa di interessante per quanto riguarda il plasma caldo che secondo loro regolerebbe la fuoriuscita di macchie.
Penso che "supponiamo" molte cose, ma in fondo la vera realta' non la sappiamo nemmeno noi.
Conosciamo una data che in un modo e nell altro condizionera' per sempre il nostro futuro,ci fara' credere in qualcosa, non conosciamo le tappe, possiamo supporle. Teorizziamo per sentito dire, ma di indizi ce ne sono a bizzeffe, cerchiamo di svegliare gli altri ma spesso il sonnifero e' troppo pesante. Pensiamo di migliorare il mondo, ma lo stiamo facendo nel modo giusto?
Dimenticavo l'articolo:
http://science.nasa.gov/headlines/y2010/12mar_conveyorbelt.htm

bau

Pluto ha detto...

@ Anonimo 8:32
Esistono vari tipi di errori. Quello sui Dogon é di tipo nozionistico. Oltretutto errore non suo ma del sito da cui ha citato il pezzo (http://www.estovest.net/identita/dirittipopoli.html).

Non ritengo un procedimento logico corretto assimilare un errore nozionistico ad uno logico o di contenuto e far passare pertanto tutto sotto il titolo di sbagliato per questo.
E´ allo stesso livello di dire che se uno sbaglia a scrivere una parola tutto il resto del testo non puó essere giusto.
Per la critica sull´ esadecimale probabilmente hai ragione, ma personalmente non conosco le codifiche dei bot che analizzano i siti internet, mentre Corvo potrebbe avere motivi a me sconosciuti per reputare questo uno stratagemma valido. Comunque a me non disturba ma anzi aggiunge una sfumatura di mistero che personalmente piace.

luigiza ha detto...

@Corvo che scrive: "L'elité puó esistere perché é espressione del peggio di noi. "

Finalmente leggo parole sensate sul fenomeno.
Vedi che avevo ragione ad utilizzare l'espressione 'pensiero pirla' in riferimento, non a te od al tuo blog come interpretasti tu a suo tempo, ma ai complottisti di cui dai una ottima definizione.
Era così difficile Corvo ?
luigiza

luigiza ha detto...

Ecco un articolo (http://www.segnidalcielo.it/blu_star_katchina.html)che riporta una profezia dei Pellerossa che descrive con parole leggermente diverse,ma pienamente condivise dal sottoscritto, esattamente lo stesso Evento annunciato dal Corvo.
Sono affermazioni per niente straordinarie ne tanto meno sconvolgenti,ma semplicemente logiche per chi é di retto sentire.
Come é altrettanto logico che gli uomini veri, veri duri, rigidi perfino , di una rigidità cadaverica respingeranno tutto quello come fantasie di imbecilli. Fino a quando dovranno confrontarsi di persona, ma allora per loro sarà troppo tardi (é già adesso molto tardi per il pentimento, cioè per cambiare il proprio atteggiamento mentale di fronte alla vita, figuriamoci allora. Ma in realtà una ultima occasione l'avranno. Se così non fosse nella ns. tradizione l'Estrema Unzione non sarebbe un sacramento. Insisto i preti sono ignoranti come capre ma dicono cose esattissime per che é in grado di capire).

Quindi porgo fin d'ora agli uomini veri le mie condoglianze neppur minimamente sentite.
luigiza

Anonimo ha detto...

"Sono costituzionalmente incapaci di fare progetti a lungo termine."

ma perché è mai esistito un uomo, o un gruppo di persone, capace di fare un progetto anche per un periodo relativamente breve, diciamo 100 anni? Non credo.
La maggior parte degli eventi, a parer mio, è guidato più che altro dal caso.
Mi pare davvero incredibile che da secoli ci siano persone che, per così dire, "modificano" la realtà per portare a compimento degli scopi! Ad ogni modo credo che gruppi più o meno segreti e più o meno potenti, agiscano per la realizzazione di obiettivi di breve/medio termine.
Però non necessariamente ciò è male. Ad esempio l'unità d'Italia è stata portata a termine anche grazie alla massoneria(la carboneria e la giovine italia per esempio) quindi non disperiamo...la vita continua.

Marco.

Andrea ha detto...

Nessun obiettivo è di per sè un bene od un male.

L'unità d' Italia è un bene se l' Italia unita è uno strumento volto al dare al cittadino la vita che esso desidera.
Viceversa se l'unità d' Italia fosse servita per allontanare dal cittadino il potere politico relegandolo sempre più in alto ad elites sempre più autoreferenziali, allora l' unità d'Italia sarebbe un male.

Una volta accettato questo principio, possiamo decidere se dal nostro punto di vista una cosa come l' Unità d' Italia sia un bene od un male.
Stesso discorso possiamo farlo con "l'integrazione Europea"... ci ha resi popoli fratelli o ha allontanato dal popolo porzioni sempre più rilevanti di potere?
E che dire di un governo mondiale?


Impariamo ad andare oltre alle definizioni che già di per sè si giudicano e si assolvono, altrimenti arriviamo entusiasti dove Orwell ci ha indicato con la frase "pace è guerra", acclamando a gran voce le nostre catene...

Anonimo ha detto...

beh anch'io spero non si arrivi alla realizzazione della distopia orwelliana...
sicuramente l'esigenza di un'italia unitaria non era la massima preoccupazione della gente comune così come la comunità europea non lo è per la maggioranza di noi, del popolo. però è innegabile che ha portato benefici.
inoltre se si riuscisse a superare il provincialismo militaresco con proposte volte ad avvicinare e unire i popoli io sono favorevole. Non mi interessano i mezzi. dalla seconda guerra mondiale, ex yugoslavia esclusa, in territorio europeo non ci sono state più guerre. Mi pare un bene. E comunque se dovessi scegliere tra il vivere sereno e in pace o vivere con un giorno di libertà ogni tanto senza dubbio sceglierei la prima opzione. Anche a costo di sacrificare una delle più stupide finzioni sociali:la sovranità nazionale!

Anonimo ha detto...

l'unità d'Italia ha portato dei benefici,a qualcuno sicuramente( i Savoia), hanno rimpinguato le loro casse con un ricco bottino.
L'unità europea ha altri nobili scopi , svuotare direttamente le tasche dei cittadini.

Gena

Anonimo ha detto...

siamo ancora nel gossip e non vedo la via d'uscita.

oggi si parla di questo, domani di quello, il tutto deve essere perfettamente inutile al quotidiano altrimenti cominciamo a capire che nel quotidiano ci siamo noi e non i savoia, il caso, le EME, ecc.....

e allora se capiamo che nel quotidiano ci siamo noi, accidenti ci tocca poi prendere le decisioni, ci tocca essere responsabili, cosa che assolutamente non vogliamo, siamo qui alla ricerca di una guida che ci dica cosa fare ogni momento, che ci pianifichi la giornata dalla mattina alla sera perche' della vecchia guida (la tv) non ci fidiamo piu'.
siamo alla ricerca di una guida nuova, pronti come prima ad eseguire gli ordini.

vi ci sentite un po in questa descrizione? se si allora mi darete contro, se no allora siete sulla strada nuova che permettera' di conoscerci per quello che siamo o per lo meno di provarci.


indopama

Anonimo ha detto...

A mio parere si sta sottovalutando quello che sta accadendo in Grecia. Potrebbe essere che la culla della civiltà occidentale non faccia rinascere dalle proprie ceneri una nuova ed illuminata interpretazione della società umana?

p.s.
oggi parlando al bar con la cassiera si è arrivati alla conclusione che stiamo andando verso una società stile anni 50... inteso a livello di povertà. La crisi sta diventando diabolica ed ancora più diabolici coloro che rifiutano di prenderne atto e di ipotizzare delle vie altre di soluzione.

saluti
Markus

luigiza ha detto...

@Indoparma
Sono in perfetta sintonia con te.
Spero che Corvo sappia quello che sta facendo, perchè in caso contrario saranno, per lui, dolori seri.
A me sembra di rivivere un copione già visto nella mia giovinezza: bla, bla, bla ...
luigiza

Andrea ha detto...

@Indopama

Non vorrei che quanto sto per dire sia preso come "attacco" visto che hai già deciso il profilo psicologico di chi non è d'accordo.
Però una obiezione ce l'ho: stai forse dicendo che tutto ciò che è lontano dal mio quotidiano di oggi sia un mero gossip? Quindi me ne potrei fregare se le persone restano ancorate ad un vecchio mito che non gli permette di avere una comprensione più articolata di quello che succede nel mondo, dovrei quindi evitare ogni confronto con esse?
Perchè a ragionare così il prossimo passo potrebbe essere quello di fregarmene se una bomba atomica scoppia nel medioriente. Non tocca il mio quotidiano, ci pensi qualcun altro...

Il discorso sul "voler cercare una guida" invece è anche condivisibile, quello è un problema che hanno in molti, ed è uno dei più grandi ostacoli per uno sviluppo spirituale autentico... su questo sono pienamente d'accordo... ma un conto è constatarlo ed accettarlo come "errore" necessario alla crescita delle persone che stanno sperimentando quell'errore nel loro percorso, un conto invece è porsi su un piedistallo e giudicare.
Attenzione, perchè dopo l'affidarsi ad un "maestro" esterno per evitare di prendersi la responsabilità del proprio cammino, è proprio il giudizio sul cammino degli altri il secondo scoglio...

@luigiza

Questo intervento non lo capisco: nel caso Corvo si sbagli su tutto, sei stato obbligato a seguire questo blog? Hai pagato? Allora che diritto avresti di recriminare?
Sempre nel caso che si sbagliasse su tutto, sarebbe da incriminare lui per aver fatto quello che riteneva giusto (mettendoci pure la faccia), o tu per aver perso tempo dietro inutili farneticazioni?
E se invece non si sbagliasse su tutto? E se addirittura non si sbagliasse su niente? In quel caso che facciamo, andiamo con i forconi a punire quelli che fino ad oggi ti hanno detto che è tutto normale, che è tutto un inutile bla,bla,bla?

No, non funziona così: sei tu che decidi quale realtà è buona per te, e se sbagli compagni di viaggio e proprio vuoi rimproverare qualcuno, devi rimproverare solo te stesso.

Mario B. ha detto...

@indopama
parole sante le tue se mi passate l'espressione, ma non significa che ciò che dici basti; va fatto anche quello, lavorare nel proprio quotidiano è una cosa che va fatta, ma bisogna trovare la forza e il coraggio di guardare anche lontano da noi, consapevoli che ci si addentra in un territorio sconosciuto dove c'è bisogno di una guida.
Se quella guida è Corvo, a me personalmente sta bene.
Muoversi senza una guida?
impossibile, ci perderemmo;
restare fermi limitandosi al proprio quotidiano?
come ho già detto non mi va di trovare davanti alla porta un panzer o un ussaro a cavallo ...

Anonimo ha detto...

corvo sta facendo quello che lui ha deciso di fare e per cio' che mi riguarda lo apprezzo, pero' PER ESPERIENZA posso dire che e' conoscendo noi stessi, cosa siamo e come NOI creiamo la nostra vita che si fa il salto di qualita'.
solo cosi' possiamo avere piu capacita creativa, cioe riusciamo a far accadere quello che vogliamo che accada.

andrea, il lontano o vicino non esiste perche' e' sempre e solo dentro di te, sei tu che pensi la realta' in ogni istante, il TUO cuore crea ogni istante della TUA realta'.
io per esperienza dico che e' piu' facile capire come creiamo la realta' se ci focalizziamo sulle cose vicine perche' i segnali datoci dalla vita per capire sono piu forti, tutto qui.
il lontano o vicino e' solo un dettaglio di come percepiamo la nostra creazione, se poi vogliamo che ci siano le EME allora ci saranno, se vogliamo la guerra allora ci sara' e se vogliamo qualsiasi altra cosa allora ci sara' perche' la realta' e' creata dentro di noi, non c'e' niente la' fuori E SFIDO CHIUNQUE A DIMOSTRARE CHE QUELLO CHE PENSIAMO SIA LA' FUORI POSSA ESISTERE SENZA DI NOI.

PROVATECI, PROVATE A PENSARE CHE ESISTA UNA COSA SENZA PENSARE A QUELLA COSA, NON SI PUO', NEL MOMENTO IN CUI SIAMO COSCIENTI DI QUELLA COSA E' PERCHE' L'ABBIAMO PENSATA, L'ABBIAMO CREATA.

SENZA DI NOI LA REALTA' NON ESISTE.

indopama

Posta un commento

Grazie della tua opinione. il tuo commento sará pubblicato dopo una verifica.