30 novembre 2016

Sit rep: torniamo al Preallarme



  • La Turchia dichiara che vuole deporre Assad
  • Gli USA passano una no fly zone per la Siria
  • L'Ucraina si prepara a lanciare missili contro la Crimea, i Russi risponderanno distruggendo missili e lanciatori
  • La EU continua la crociata contro Mosca
  • I potentati economici minacciano di fallimento le banche italiane se il referendum venisse respinto Domenica

25 novembre 2016

leggeteli tutti! La lista dei siti censurati

Caro Diario,
hanno buttato giu' la maschera.
Le elite sono rabbiose contro chiunque dissenta e la reazione e' spaventosa: le notizie "Fake" devono essere censurate! coloro che dissentono sarebbero "utili idioti di Putin". Per conto nostro possiamo solo suggerire al lettore di leggere regolarmente ognuna delle pagine di questa lista: non fosse altro che non sappiamo per quanto tempo lor signori ci concederanno il privilegio...

23 novembre 2016

L'Italia è un Paese malato di mente. Esibizionisti, individualisti, masochisti, fatalisti


“L’Italia è un paziente malato di mente. Malato grave. Dal punto di vista psichiatrico, direi che è da ricovero. Però non ci sono più i manicomi”. Il professor Vittorino Andreoli, uno dei massimi esponenti della psichiatria contemporanea, ex direttore del Dipartimento di psichiatria di Verona, membro della New York Academy of Sciences e presidente del Section Committee on Psychopathology of Expression della World Psychiatric Association ha messo idealmente sul lettino questo Paese che si dibatte tra crisi economica e caos politico e si è fatto un’idea precisa del malessere del suo popolo. Un’idea drammatica. Con una premessa: “Che io vedo gli italiani da italiano, in questo momento particolare. Quindi, sia chiaro che questa è una visione degli altri e nello stesso tempo di me. Come in uno specchio”.

16 novembre 2016

Testimone: siamo tutti sotto Controllo Mentale



Caro Diario,

questo e' un video piuttosto lungo.

Una testimonianza di una supertsite del progetto MK-Ultra Monarch.

I pochi che avranno la pazienza di ascoltare fino alla fine potrebbero imparare qualcosa sulla natura del potere del... Presidente Americano.

15 novembre 2016

L’alternanza del Potere imperiale

La sconfitta della Clinton è anzitutto la sconfitta di Obama che, sceso in campo a suo fianco, vede bocciata la propria presidenza. Conquistata, nella campagna elettorale del 2008, con la promessa che avrebbe sostenuto non solo Wall Street ma anche «Main Street», ossia il cittadino medio. Da allora la middle class ha visto peggiorare la propria condizione, il tasso di povertà è aumentato, mentre i ricchi sono divenuti sempre più ricchi. Ora, presentandosi come paladino della middle class, conquista la presidenza Donald Trump, l’outsider miliardario.

14 novembre 2016

I nostri governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel nostro paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, attività criminali


“Generalmente sono di piccola statura e di pelle scura.
Non amano l’acqua, molti di loro puzzano perchè tengono lo stesso vestito per molte settimane.
Si costruiscono baracche di legno ed alluminio nelle periferie delle città dove vivono, vicini gli uni agli altri.

13 novembre 2016

Condition Blue: l'illusione della Pace

La mancata elezione di Clinton e le - presunte- aperture di Trump verso la Russia sono un fattori di deescalazione da un conflitto che appariva immediato. Tuttavia molte delle promesse di Trump appaiono vuote, soprattutto on un vice presidente che ha detto: "Alle provocazioni Russe dobbiamo rispondere con la Forza Americana"  e "The United States of America should be prepared to use military force to strike military targets of the Assad regime.". Nel'immediato vediamo una piccola luce all'orizzonte e sembra che abbiamo guadagnato qualche tempo. Pochi mesi.

11 novembre 2016

18 tendenze per una presidenza Trump

Caro Diario,
"viviamo in pace grazie al sangue dei nostri soldati" oppure "viviamo in pace grazie al sangue delle persone che i nostri soldati hanno ucciso"?
l'11 di Novembre nei paesi anglosassoni si festeggia il giorno del ricordo. Senza porsi nessuna domanda.
Sempre in questi giorni vi e' una specie di Trumpsteria sul web e non solo.
Gli uni salgono sul carro del vincitore, urlando che loro "lo sapevano".
La vittoria di Trump era inaspettata solo per oligarchi, opinionisti alla loro mercé, radicalchic e via enumerando tutti i virgulti avvizziti e incartapecoriti di un establishment sempre più autoreferenziale e chiuso nel proprio irriducibile elitarismo.
Gli altri sostengono che il sistema sia truccato e che tutto "era calcolato fin dal principio". Altri ancora scendono in strada rifiutando il risultato.
In questo Diario cerchiamo di riflettere sui processi, piu' che sui singoli eventi. Ci poniamo domande e non prendiamo parte.
Nella serie di articoli sul Matto dell'Imbecille abbiamo illustrato diversi di questi trends. avevamo scritto:
Chiunque vinca, ricevera' il compito di portare avanti il Piano Prefissato per due mandati. Qualunque tipo di "Cambiamento rivoluzionario positivo" che il prossimo POTUS si tiri fuori fara' parte di questa agenda. Qualunque cosa succeda nei prossimi mesi e sottolineiamo qualunque, lo si tenga presente.
Vediamo allora come i grandi trends si applicheranno alla amministrazione Trump.

09 novembre 2016

Ha vinto Trump. In arrivo un nuovo 11 settembre?

Un ottimo commento di Massimo Mazzucco.
Come già abbiamo scritto per le precedenti elezioni americane, una cosa è il significato sociale del risultato elettorale, un'altra è il significato politico del medesimo.
In altre parole, l'elezione di un determinato presidente ci indica sempre la "temperatura mentale" della popolazione americana, indipendentemente da quelle che saranno poi (o che non saranno) le conseguenze politiche di quell'elezione.

06 novembre 2016

Matto dell'imbecille III - i grandi Trends


Caro Diario,
Nei primi due articoli di questa serie abbiamo visto il riassunto delle precedenti puntate e scartate le previsioni ufficiali  veniamo finalmente a cosa accadra' a nostro parere.
Esploreremo le grandi tendenze riflettendoci da un punto di vista ontopolitico

I mega trends

L'Eta' della Grazia e' giunta alla sua conclusione. Come reazione all'eccesso di mollezza, squilibrio della Grazia, nuove ideologie basate sulla chiusura, sullo scontro e sulla durezza prenderanno piede. Queste soluzioni ai problemi odierni genereranno una serie gigantesca di sventure future. Essendo lo squilibrio della Grazia di proporzioni mai vista nella storia conosciuta la reazione sara' brutale, oltre ogni capacita' di immaginazione del placido gruppo di Zombidioti.  E non solo.


05 novembre 2016

Umani 2.0: il Microchip e' cosi' cool!!!

04 novembre 2016

PRE ALLARME


02 novembre 2016

Meglio Donald Trump che l'infida Hillary Clinton

Una lucida analisi che porta a "meglio il male evidente" che quello mascherato. Da vedere.

Visto che gli Stati Uniti d'America si fregiano di essere la più grande democrazia del mondo, tanto da volerla esportare, la propria democrazia, pochi giorni prima delle elezioni presidenziali 2016 che eleggeranno il nuovo Presidente USA tra Donald Trump e Hillary Clinton, è legittimo chiedersi: con quanta affluenza gli elettori americani vanno oggi alle urne? È bassa, bassissima: siamo poco oltre il 60%. Però esiste un collegamento diretto tra qualità dell'istruzione e partecipazione dei cittadini alla vita politica.